Ecobonus 110% La cessione del credito

Oggi la Camera dei Deputati ha approvato la conversione in legge del Decreto Rilancio che contiene la misura dell’Ecobonus al 110%

Per poter cominciare stilare i progetti con le spese ammissibili bisogna attendere il decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze e le circolari dell’Agenzia delle Entrate per usufruire del credito d’imposta. 
Cessione del credito super ecobonus

Anche per dare il via libera alla cessione del credito sono necessarie le istruzioni ministeriali. 

Sarà possibile, infatti, cedere il credito ad istituti bancari che pagheranno l’impresa che effettua i lavori in base agli stati di avanzamento rispetto al cronoprogramma del progetto. 

Il mondo bancario si sta già attrezzando anche perché per gli istituti si tratta nei fatti di investire soldi in pratica al 2%: anticipano 100 e ottengono 22 ogni anno; i mutui sono più rischiosi e meno remunerativi. 

Bnl ad esempio ha già previsto un servizio specifico di consulenza nelle sue filiali. 

Intesa Sanpaolo ha preparato una serie di prodotti finanziari disponibili sul mercato dopo l’emanazione delle circolari attuative e che prevedono l’acquisto dei crediti di imposta dei contribuenti, sia nella forma diretta sia attraverso la cessione alle aziende, “restituendo così- sottolinea la banca- la liquidità necessaria al sistema per sostenere gli interventi di riqualificazione. 

Va infatti detto che ben difficilmente un’impresa edile, soprattutto se medio piccola, dispone della liquidità necessaria per non farsi pagare dalla committenza e attendere il rimborso fiscale.

Poiché la misura serve a rispondere alla crisi economica dovuta alle misure di contenimento del contagio della Covid-19 è necessario che la liquidità arrivi presto alle imprese e ai lavorari, stimolando la ripartenza del settore edilizio

Commenti

Post più popolari