Credito su pegno

Impegnare oro, gioielli e oggetti di valore a garanzia dei prestiti. In tempo di crisi economica, con il PIL a picco e l’occupazione stagnante la garanzia di beni di valore può rappresentare una valida occasione per avere liquidità. Le famiglie italiane, infatti, detengono un patrimonio importante che viene tramandato tra generazioni. Gioielli e oro di famiglia hanno un valore non solo affettivo, ma sono una dotazione economica che può essere reinvestita. 

Credito su pegno

Impegnare gioielli e l'oro

Un esempio è Affide, la più grande società attiva nel settore del credito su pegno, autorizzata dalla Banca d’Italia ai sensi dell’articolo 106 del testo unico bancario, con una copertura garantita su tutto il territorio nazionale.

Affide nasce dall’acquisizione da parte del gruppo Dorotheum del ramo del credito su pegno di Unicredit.

Come ottenere i soldi impegnando oggetti

Sulla base della stima di un oggetto prezioso che vorrete affidare a questo Istituto otterrete un finanziamento senza burocrazia né richiesta di garanzie bancarie e soprattutto il finanziamento non porterà con sé un debito con questa Istituzione. Inoltre non perderete la proprietà dell’oggetto. La polizza di può rinnovare anche nelle filiali UniCredit, mentre va estinta, per avere restituito l’oggetto impegnato, nella filiale che l’ha emessa in origine.

Attenzione agli avvoltoi

È necessario, però, fare attenzione ed affidarsi ad intermediari affidabili e certificati, per non rischiare di finire nella rete del malaffare che lucra sulla necessità delle persone. 

Commenti